Home » I pesci di lago e Fiume » Luccio Esox

Luccio Esox

Vota questo contenuto
Foto luccio.

Un luccio.

Famiglia

Esocidi

Specie

Esox Lucius L.

Nome nelle principali lingue

  • Inglese: Pike
  • Francese: Brochet
  • Spagnolo: Lucio
  • Tedesco: Hecht

Morfologia

Il luccio ha corpo allungato e sottile coperto di piccole squame di colore bruno verdiccio a macchie gialle e ventre argenteo bianco giallastro. La pinna dorsale è spostata verso la fine della coda sovrapposta a quella anale per consentire al luccio uno scatto più potente che non lascia scampo alle sue prede. Grazie alla sua bocca piena di denti il luccio è un predatore voracissimo. Può raggiungere i 130 centimetri di lunghezza e oltre i 20 chilogrammi di peso.

Riproduzione

La maturità sessuale viene raggiunta dai maschi a torno agli 1-2 anni, mentre nelle femmine del luccio arrivaverso i 2-3 anni, queste possono produrre dalle 20.000 alle 30.000 uova per chilo di peso. Le uova hanno diametro tra i 2-3 millimetri, sono adesive e alla temperatura di 12-16°C impiegano 8-10 giorni per schiudersi. Si riproduce nel periodo primaverile, tra febbraio e maggio, vicino alle rive in acqua bassa, ombreggiata, con fondo melmoso o erboso.

Il luccio è uno stupendo predatore, la sua colorazione è criptica per ben confondersi con l’ambiente;
È uno di quei pesci più ambito dai pescatori.

Le carni

In cucina il luccio è molto apprezzato per le sue carni gustose, anche se un po’ liscose, ma buone bianche e sode.

Foto Luccio by PescaBox.info Immagini di pesca

Muso di una grossa femmina di luccio.

Foto Luccio bocca  by PescaBox.info Immagini di pesca

Particolare della bocca, con grossi denti di un luccio di oltre 10 chili.

Guarda le schede degli altri Pesci:  Agone   Alborella   Anguilla   Bottatrice   Barbo   Black Bass   Carpa   Carpione   Cavedano  Coregone lavarello   Gambero   Luccio   Persico reale   Persico sole   Salmerino   Tinca   Trota   Vairone

Notizie utili sul luccio:

Guarda le foto delle catture nella nostra galleria fotografica di pesca.

Ringraziamo per l’aiuto l’Associazione Amici della Tirlindana.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*