Home » Le esche » Esche siliconiche

Esche siliconiche

Esche siliconiche
4 (80%) 2 votes

Esche siliconiche, jig e grubs, worms e pescetti siliconici.

Trovi molte altre informazioni sul forum, nella parte dedicata allo spinning con ottime spiegazioni ed articoli su:

  • Siliconici jig e grubs
  • Worms, pesciolini siliconici e siliconici vari

Hai domande su queste esche? Postale sull’area domande e risposte di PescaOk

Questa pagina è in costruzione, stiamo costruendo i migliori contenuti, per offrirti interessanti spunti e informazioni sulle esche artificiali e naturali.

Questa pagina ha bisogno del tuo aiuto,  se vuoi aiutarci a migliorarla, collabora con PescaOk

Se vuoi aiutarci scrivi un’email a info@pescaok.it

4 commenti

  1. scusatemi ma x che molte volte quando monto il terminale sotto il vetrino quando lancio e poi recupero si impiglia il terminale con la girella e anche il vetrino….. forse sbaglio la montatura??? chi sa darmi una risposta? grazie

    • Ciao Francesco, la cosa mi sembra strana perché solitamente con il vetrino non si usano terminali lunghi che danno questo tipo di problema. Comunque, se accade devi adottare due soluzioni perché non accada;
      1 quando fai il lancio, segui la parabola del vetrino e un paio di metri prima che tocchi l’acqua, con indice della mano destra fermi il filo mettendolo sul bordo della bobina. Cosi facendo, il vetrino o il piombo si ferma, esca invece prosegue la sua corsa e si distende in acqua. Noterari quando lo fai correttamente che in acqua si formano due ondine, una data dal vetrino o piombo l’altra piu avanti data dall’esca.
      2 per irrigidire leggermente in terminale nella parte lato girella, viene fatta una legatura , chiamata brillatura. Praticamente devi fare un’asola e prima del nodo il filo va attorcigliato.
      Se cerchi su YouTube filo brillatura è più facile farlo che spiegarlo. Nel caso siamo qui chiedi pure.
      CIAO

  2. ….completo sul grub trota (già postato): innesco un falcetto siliconico bianco (3 cm.) con amo Gamakatsu 8 gambo lungo (tipo SNF-1340N /187 N). Eseguito l’ innesco (il corpo dell’amo percorre quello del siliconico e,possibilmente, la punta esce dalla stessa parte del falcetto), schiaccio un piombino “spaccato” da 1.2 gr. sulla parte esterna alla testa del grub, subito sotto l’occhiello dell’amo (che deve essere,appunto, ad occhiello per velocità e praticità cambio artificiali………..personalmente solo girelle-moschettoni Yamashita).
    La punta dell’amo deve fuoriuscire al limite del corpo “bitorzoluto” del grub, prima del falcetto; per innescare bisogna manovrare il gommoso assecondando il procedere dell’ amo, piegando l’ esca.
    Esca economica, non piangi se la perdi. A mio avviso non di prima scelta, ma ripiego (seppur vincente) in certe situazioni ed orari dove sei disperato e quella ti fa catturare.

  3. Trote pigre, tipo mattino presto (non tanto diffidenti….. è un’altra cosa).
    Un “grub” , falcetto gommoso-siliconico, può risultare catturante. Personalmente solo bianco (gialli, rossi, ecc non vanno).
    Per mia modesta esperienza, il grub, se vuol essere catturante, deve essere manovrato con recupero lento,ma, soprattutto lievissime “jerkate” che impongano un saliscendi
    Sul “scent” (profumo) di Berkley sui siliconici aromatizzati di questa Azienda non so, ma esula dallo spirito SPINNER (tanto vale esche naturali ….. che non fanno per noi 😉 )

    GIORGIO

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Computer doc