Home » Itinerari di pesca » Itinerario di pesca nella zona dell’alto Sarca

Itinerario di pesca nella zona dell’alto Sarca

Itinerario di pesca nella zona dell’alto Sarca
4.5 (90%) 2 votes

Il fiume Sarca, in Trentino (immagine di cleò via flickr.com)

Arrivo

Dall’autostrada A22, prendere l’uscita Trento Sud e seguire per Madonna di Campiglio – Terme di Comano. Oppure arrivare a Riva del Garda e prendere per il lago di Tenno in direzione di Madonna di Campiglio – Terme di Comano. Proseguire fino al paese di Ponte Arche, dove è possibile soggiornare e ottenere i permessi di pesca.

I permessi

I permessi di Pesca si posso fare nei seguenti esercizi:

  • Bar al Pont
  • Albergo Sayonara
  • Ristorante al Picchio

Inoltre, vicino al Bar al Pont c’è una tabaccheria che vende permessi.

È possibile pescare anche in località Ponte Arche. La zona è no kill, ma consiglio di proseguire verso il paese Tione di Trento, (località Ragoli-Saone): si passano delle gallerie e dopo 1 km si troverà una chiesetta sulla sinistra, con un ampio posto auto. Seguendo il sentiero, si arriva in riva al fiume Sarca. Prima di iniziare la pesca è opportuno compilare il permesso, perché siamo in una zona controllata dalle guardie.

La tecnica di pesca e i pesci

Consiglio la pesca a spinning, tocco e mosca. Io pratico spinning e tocco. Il punto di pesca varia a causa della conformazione del fiume e dalla profondità. Troviamo profonde buche, tratti calmi e con poca acqua, cascatelle e rapide.

I pesci che vi si possono pescare sono la trota fario (sia autoctona sia di semina), la trota ibrida e la trota iridea.

Per la pesca a spinning si posso usare minnow e il classico cucchiaino. Personalmente, ho ottenuto ottimi risultati con minnow galleggianti da 4-5 cm con colori simili a quelli della trota fario, regina del punto di pesca. I minnow vanno lavorati con movimenti leggeri ma con recupero veloce; ottimi risultati lanciando a monte e recuperando in senso della corrente. Per quanto riguarda il cucchiaino, ottimo il Martin del 6 con paletta oro e corpo rosso e righe-nere e/o gialle e righe- nere. Recupero veloce e fare passate da una parte e l’altra del fiume a monte e a valle.

Per la pesca al tocco, basta una teleregolabile 8 m. Si può utilizzare il pendolino e/o la biglia.

ATTENZIONE: si possono usare solo vermi e camole; ottimi vermi di fiume che si possono trovare in alcuni negozi di pesca.

Si può pescare in acqua o da riva (in acqua solo da maggio). Buoni risultati si possono ottenere salendo il fiume verso monte, arrivando al ponte di Ragoli (zona di semina). Si può arrivare anche in auto circa 500 m dopo la chiesetta (sopra indicata).

Molto bello anche il punto a monte del ponte di Ragoli, ottimo per la pesca al tocco. Io utilizzo la corona equilibrata (da ricerca), perché qui il fiume Sarca è molto veloce e con molti sassi da sondare. Qui cambia anche il colore dell’acqua che diventa più chiaro. Si possono trovare esemplari di discreta misura di trota marmorata.

In questa zona bisogna usare, a mio parere, tutta la propria esperienza e abilità, perché anche le trote di piccola taglia sono molto combattive e aggressive.

N.B. Prima di iniziare la pesca, leggere bene il regolamento che viene consegnato assieme al permesso. Non utilizzare ardiglione e esche vietate, ma, soprattutto, rispettare l’ambiente e il pesce.

Grazie.
Matteo M.

Computer doc